|

NOVEMBRE 2020

Data pubblicazione: 26-11-2020
 
novembre 2020

L'anno più difficile a nosta memoria il 2020. Se n'è andato Diego Armando Maradona  il campione. I napoletani cantavano "Maradona è meglio 'e Pele" quando Napoli era addobbata in tutti i suoi vicoli con i nastri azzurri, la Napoli dello scudetto, il Napoli che El Pibe aveva portato al successo, la Napoli del riscatto.

Cosa dire che non sia già stato detto di uno dei campioni del calcio mondiale, 'genio e sregolatezza' tanto per usare una frase retorica. A noi non interessa parlare di ciò che era l'uomo, Maradona, ed io non sono un'appassionata di calcio, ma lui sapeva farti guardare una partita. I suoi fantastici passaggi, le galoppate sul campo ed i suoi GOOOOOOOL urlati dai commentatori televisivi, molti  lo hanno preceduto, ultimo Alfredo Pigna, nel viaggio a cui nessuno si può sottrarre.

Maradona nato sotto il segno dello Scorpione, ci tengo a ribadirlo, ed era assolutamente scorpionico in tutte le sue manifestazioni, esagggerate, pungenti come la coda appunto dello scorpione. La foto di copertina, lo leggete nella didascalia, è degli anni '80, seduto alla scrivania del nostro mitico direttore Mimì De Simone (tra i fondatori di Sportsud) con alcuni ragazzi, suoi accesissimi fans, convenuti in quell'ufficio in quanto Il Mattino aveva lanciato un concorso che li coinvolgeva e coinvolgeva Dieguito.

Non voglio spendere altre parole, ci penserà Tullio De Simone, più tardi, con i suoi ricordi, figlio dell'impareggiabile Mimì.

Adiòs Pibe.

 

AnnaMaria Ghedina

Allegati: