|

CTS: la nuova stagione

Data pubblicazione: 12-10-2018
 

Il direttore artistico Vincenzo Borrelli, tra gli artefici trent'anni fa della rinascita dello storico Centro Teatro Spaziodi San Giorgio a Cremano, ha presentatoil cartellone 2018-2019. “Emozione che cresce nel tempo” è il titolo della prossima stagione teatrale. Titolo che vuole mettere in evidenza come il teatro in cui ha militato Massimo Troisi sia lì, viva da un trentennio e migliori grazie a una serie di progetti tra cui “’O Curto”, festival di corti teatrali; la scuola di formazione e l'accademia; una programmazione varia e interessante ma soprattutto per l’impegno e la dedizione di coloro che vi lavorano, primo tra tutti il direttore artisticoVincenzo Borrelli che, uscendo fuori dal coro di molti suoi colleghi, afferma coraggiosamente: «Per me il teatro non deve essere sovvenzionato. Il nostro teatro non ha sovvenzioni ed esiste da trent’anni.» Borrelli firma le regie di Jonesco (ATTESA con Vincenzo Attanasio liberamente ispirato a Le Sedie) di C. de Laclos(MERTEUIL vs VALMONT: testo di Maurizio Tieri liberamente tratto da Le relazioni pericolose) ma anche spettacoli contemporanei come 1647 da lui scritto e diretto. La stagione comincerà con TOTO’ CHE PADRE. A seguire Libero De Martino metterà in scena un adattamento da Cechov dal titolo ORSU’, ancora Il Teatro di sotto con un adattamento di TRE PECORE VIZIOSE e il Teatro Madreartecon SCHERZI DA PRETI di Antonio Diana. Andrà poi in scena lo spettacolo di Enzo D’Aniello dal titolo NA MANCIATA ‘E FAVE. A seguire TEATRI ASSOCIATI presentano USCITI PAZZI per la regia di Niko Mucci. Giovanni Meola presenta VOCI FIAMMINGOLETANE e ancora Luisa Guarro con L’IMMORALISTA di Luisa Guarro e Antonio Mocciola. A maggio concluderà il cartellone Uno Spazio per il Teatro che presenterà Stefano Ariota e Vincenzo Borrelli in SEI PERSONAGGI. Per lo spazio dedicato ai giovani quattro gli spettacoli selezionati: LA PANCHINA, VITE PERDUTE, IL DIGIUNATOIO e SINTOMI D’AUTUNNO. Continua anche per questa stagione il sodalizio PALCOSCENICI IRREGOLARI, un circuito campano di collaborazione tra spazi teatrali.

Valeria Rubinacci