|

CODICE IDENTIFICATIVO COMUNALE ( CIC )

Data pubblicazione: 29-04-2019
 
relatori CIC

Nella Sala Giunta del Comune di Napoli. Il Sindaco Luigi De Magistris con il Vice Sindaco, Enrico Panini, l’Assesessore alla Cultura ed al Turismo, Gaetano Daniele e la Consigliera, Eleonora De Maio, hanno illustrato la delibera che mette in atto il “ CIC . Il Comune di Napoli adotta il CIC, Codice identificativo Comunale, per affittacamere, bed&breakfast e case-vacanza del territorio cittadino. Gli spazi in regola coi requisiti richiesti potranno iscriversi all’albo comunale e ricevere l’apposito contrassegno che segnalerà ai turisti un’offerta regolare e di valore. Le strutture dovranno essere conformi alle norme abitative e di sicurezza, e all’ordinamento urbanistico della città di Napoli. L’albo delle strutture certificate è un primo passo per disciplinare l’assetto abitativo e per frenare i fenomeni speculativi, che rischiano di alterare la morfologia sociale e produttiva di alcune zone a maggior impatto turistico. Napoli sperimenta oggi un’affluenza di visitatori mai conosciuta in precedenza, ed ha bisogno perciò di aggiornare le sue regole di accoglienza. Con l’albo delle strutture certificate il Comune intende anche fornire un primo contributo normativo – stante la carenza regionale e nazionale - per promuovere una maggiore sostenibilità del turismo e contrastare l’esercizio abusivo delle attività.



ALBERTO ALOVISI