|

GRAND ROAD 2019 VENEZIA-MONTECARLO

Data pubblicazione: 03-06-2019
 
venezia/montecarlo

 Si è chiusa ieri, con grande entusiasmo da parte di tutti i partecipanti, la prima edizione del Grand Road Venezia-Montecarlo, la gara riservata a supercar moderne di tutte le marche costruite tra il 1982 e il 2019 e organizzata, con la passione di sempre, dalla Scuderia Mantova Corse. Dopo tre giorni di competizione e 1000 km percorsi, a trionfare è stato l’equipaggio composto da Davide e Matteo Penitenti (n.11), padre e figlio originari della terra di Nuvolari, al volante di una performante (640 hp) Mercedes-Benz AMG GTR: la coppia è stata in testa alla gara fin dalla seconda tappa, dimostrando grande capacità e abilità in tutte le prove. “Siamo particolarmente contenti di aver partecipato a una gara originale e fuori dagli schemi. Il Grand Road è stata una bellissima esperienza, che chiunque possieda un’auto veloce dovrebbe fare, perché mixa la regolarità con la voglia di guidare. Mio figlio è stato un ottimo co-driver e mi ha dato un importante supporto dal punto di vista tecnologico: un’avventura da ripetere senza ombra di dubbio”. – ha sottolineato Davide Penitenti, vincitore di questa prima edizione. Secondo classificato l’equipaggio formato da Orazio Rigo e Anastasia Zanoncelli (n. 37) a bordo di una Porsche 911, del Rovesta Racing Team, scuderia del gruppo Finservice. “È stata una novità, per me che sono abituato alle auto storiche, fare una gara con una vettura moderna e apprezzarne le potenzialità. Un bellissimo evento organizzato con estrema cura nei dettagli da Mantova Corse, che ha ideato un percorso di grande appeal, arricchito da location meravigliose e hospitality di alto livello”. – ha dichiarato Orazio Rigo, 2° classificato. “Ringrazio l’organizzazione per aver pensato a un evento di questo tipo, dove si respira uno spirito di competizione sano e dove si riscopre anche un modo diverso di condividere la stessa passione e di stare insieme”. – ha aggiunto Guido Rovesta, AD di Finservice.
Terzi classificati Ermanno De Angelis e Annunziata Del Gaudio (n. 9), alla guida di una Alpine A110. “Desideriamo fare i complimenti all’organizzazione per la sfida che un evento così particolare comportava. Una manifestazione molto ben riuscita che alimenta la passione automobilistica di noi possessori di auto veloci, che spesso non riusciamo a utilizzare come vorremmo”. – ha commentato Ermanno De Angelis, 3° classificato.
Un successo reso possibile grazie al contributo di Editoriale Domus, con le testate Quattroruote, Ruoteclassiche, Youngtimer, Top Gear, e Alfa Romeo.
Tra i top driver che hanno preso parte alla gara, Giordano Mozzi, alla guida di una Ferrari 458 Spyder, Giuliano Canè al volante di una Porsche 930 Turbo e Gianmaria Gabbiani a bordo di una Maserati Ghibli.
Alla sua prima edizione, l’evento si è presentato sulla scena motoristica quale regolarità turistica sperimentale con un format totalmente innovativo e un’allure squisitamente internazionale. Il Grand Road aspira a diventare nel tempo un punto di riferimento per il nutrito network di appassionati di vetture sportive, GT, creando un’occasione mondana dall’alto valore conviviale, turistico e sportivo.
“Dopo tanti anni nell’ambiente dell’automobilismo storico come organizzatori del Gran Premio Nuvolari, abbiamo pensato di creare un prodotto che desse l’opportunità ai possessori di supercar moderne di godere delle potenzialità e del comfort delle proprie vetture e, allo stesso tempo, delle bellezze del territorio italiano, il tutto in una cornice di hospitality di altissimo livello”. – hanno commentano i patron del Grand Road: Claudio Rossi, Luca Bergamaschi e Marco Marani.