|

GIORNATA INTERNAZIONALE DEI MUSEI AL MONTE VERITÀ DI ASCONA

Data pubblicazione: 14-05-2019
 
Monte Verità

Il tema di quest’anno sono le tradizioni viventi ed è perfettamente calzante con la stessa essenza del Monte Verità che, grazie ad Harald Szeemann, ha mantenuto in vita una storia lunga 100 anni e che tutt’oggi propone attività ed esposizioni che lo mantengono al centro della scena artistica. Domenica 19 maggio si svolgerà la Giornata internazionale dei musei, organizzata dall’ Associazione dei musei svizzeri AMS e da ICOM Svizzera - Consiglio internazionale dei musei. Il titolo dell’edizione 2019 è "Musei – il futuro delle tradizioni viventi".  Monte Verità, membro ICOM dalla riapertura di Casa Anatta dopo il restauro, non potrebbe essere più coinvolto per la sua stessa natura e per quanto rappresenta da un punto di vista storico culturale. Il Museo Casa Anatta ospita infatti la storica mostra di Harald Szeemann Le mammelle della verità, allestita dal grande curatore nel 1978 proprio nello stesso edificio e riaperta dopo un lungo restauro nel 2017, mantenendo l’allestimento originale. L’esposizione di Szeemann, di importanza internazionale, ha ricostruito e mantenuto in vita la storia di Monte Verità e il fermento intellettuale che ha caratterizzato tutta la regione a partire dal XIX secolo. La narrazione si svolge attraverso nuclei tematici – le cosiddette mammelle – ovvero l’anarchia, la riforma della vita, dello spirito, del corpo, la mitologia, la danza, la letteratura, l’arte, la psicologia, l’utopia sociale.  Dalla riapertura del museo del 2017, la mostra storica è stata introdotta e accompagnata dall’esposizione Le verità di una montagna di Andreas Schwab, che presenta e contestualizza il lavoro di Szeemann. Nel parco del Monte Verità sono ancora presenti le capanne aria e luce, le docce e le vasche del periodo della Lebensreform, la Casa del tè e le strutture alberghiere. Il padiglione Elisarion, che ospita il dipinto circolare Chiaro mondo dei beati di Elisar von Kupffer, è attualmente in ristrutturazione.
Entrando nel merito della giornata di domenica 19 maggio, il Museo Casa Anatta sarà aperto dalle 10 alle 18, con entrata gratuita. Alle 11,00, nell’auditorium dell’hotel di ispirazione Bauhaus, verrà proiettato il film documentario Freak Out, diretto da Carl Javer, che racconta la storia della fondazione della comunità alternativa del Monte Verità attraverso immagini d’archivio (lingua tedesca).  Alle 14,30 si terrà lo spettacolo teatrale itinerante I Segni dei sogni di e con Stefania Mariani. ll pubblico, di adulti e bambini, viene accompagnato alla scoperta della storia, degli incontri, delle idee che hanno caratterizzato e abitato il luogo e che tutt’ora lo rendono un posto speciale e memorabile. Si agisce e si interagisce con i personaggi attraverso parole, immagini, azioni, giochi, silenzio, ascolto e movimento. Previsto nel parco, in caso di maltempo lo spettacolo sarà presentato in Sala Gioia. Alle 17,00, di nuovo in auditorium, la Fondazione Monte Verità e la CORSI - Società cooperativa per la Radiotelevisione svizzera di lingua italiana - dedicheranno un momento alla memoria e agli archivi radiotelevisivi, che hanno un ruolo chiave per mantenere vive le testimonianze e le figure che hanno fatto la nostra storia. Ci sarà infatti un omaggio a Hetty Rogantini, l’ultima monteveritana scomparsa un anno fa, con la proiezione del documentario Hetty Rogantini De Beauclair. Memoria del presente, produzione RSI a cura di Matteo Bellinelli, che sarà presente all’evento. A seguire, verrà offerto un aperitivo. Se dalla tradizione passiamo al presente, segnaliamo che nel parco e negli spazi interni dell’hotel è possibile visitare la mostra Trees of life & People I Know di Pascal Murer e Ivana Falconi, due artisti a confronto con la natura. Le sculture in legno e bronzo di Pascal Murer, nel Parco del Monte Verità, esprimono il desiderio di essenza e trascendenza. Gli acquarelli e le sculture di Ivana Falconi, negli spazi interni, innescano un dialogo nostalgico tra bellezza, ricordi e figure allegoriche.  La giornata sarà dunque una perfetta occasione per vivere questo luogo in una perfetta sintonia di passato e presente.