|

Studio e Formazione: la gemmologia internazionale sceglie Marcianise

Data pubblicazione: 14-06-2018
 
Oromare

La gemmologia internazionale si dà ancora una volta appuntamento in Campania e sceglie il Centro Orafo Oromare di Marcianise per la seconda edizione del Meeting Gemmologico IGI Alumni , in programma il prossimo 18 giugno.
Il consueto evento gratuito di aggiornamento per gemmologi, gioiellieri, operatori del settore e studenti arricchisce da quest’anno il suo prestigio grazie alla collaborazione tra il mondo accademico ed universitario, il mondo del commercio, quello delle aziende produttrici di strumentazione scientifica e quello della certificazione gemmologica.
Si tratta di una sinergia che aumenterà il valore della discussione che caratterizzerà i tre seminari proposti durante la giornata, due mattutini, con accesso libero ed aperti a tutti (con rilascio di attestato di partecipazione), ed un corso di approfondimento specialistico sulle tecniche spettrofotometriche, attualmente unico in Europa.
L’appuntamento 2018 del Meeting Gemmologico IGI Alumni   proporrà infatti anche corsi specialistici che rappresentano una novità per l’Europa e che fanno del comparto gemmologico italiano una delle eccellenze nel campo della formazione internazionale. All’evento parteciperanno Antonello Velardi (sindaco di Marcianise), Francesco Alberico (Amministratore Oromare Promogest SRL), Roland Lorié (CEO International Gemological Institute), Manuela Rossi (Docente di Mineralogia dell’Università di Napoli Federico II), Paolo Minieri (Presidente IGI International Gemological Institute Italy), Sergio Sorrentino (Editore della Rivista Italiana di Gemmologia), Roberto De Laurentiis(Presidente Consorzio Antico Borgo Orefici e Federazione Orafi Campani) e Luigi Costantini (Coordinatore e Liaison Officer IGI International Gemological Institute Italy).  Il Meeting sarà inaugurato da Michele Macrì, esperto mineralogista e curatore del Museo di Scienze della Terra della Sapienza Università di Roma. Nel suo seminario “Quanto vale una gemma?”, parlerà dei fattori che costituiscono la base del valore delle pietre preziose. Il problema di come valutare diamanti, zaffiri e rubini riguarda da molto vicino i gioiellieri, spesso preoccupati di non sapersi orientare in modo professionalmente aggiornato. Come si evolve il processo di identificazione dei materiali gemmologici? Se Il microscopio non basta più, quali sono le strumentazioni più adeguate per raggiungere velocemente certezze diagnostiche? Alberto Scarani, G.G. e cofondatore di MAGILabs, il più importante costruttore mondiale di apparecchiature spettrofotometriche per uso gemmologico, guiderà il pubblico a scoprire le nuove frontiere della spettrofotometria e le nuove prospettive della moderna indagine gemmologica attraverso il secondo seminario del Meeting, “Modernizzare la Gemmologia”, in collaborazione con Francesco Sequino (A.G. e docente International Gemological Institute). Per coloro che hanno già competenze gemmologiche MAGILabs e GemTech proporranno nel pomeriggio  un corso avanzato sulla Raman, il primo di quattro appuntamenti  di approfondimento delle tecniche  di indagine spettrofotometriche in gemmologia. Il corso è inedito in Italia ed al momento non risultano esserci corsi corrispondenti in Europa. In occasione del Meeting sarà presentato anche il quarto numero della Rivista Internazionale di Gemmologia edita da E-motions. In chiusura della sessione mattutina è prevista la cerimonia di consegna dei diplomi gemmologici agli studenti che hanno concluso con profitto i corsi International Gemological Institute dell’anno.