|

Nuovi Volontari dell'Esercito Italiano

Data pubblicazione: 12-09-2019
 
Un momento dell'afflusso

Capua – Lo scorso 05 settembre, al termine del “Corso di formazione per i Volontari in ferma prefissata di un anno (VFP-1)”, sono defluiti dal 17° Reggimento Addestramento Volontari “Acqui” 888 VFP-1 del 1° blocco 2019 dell’Esercito Italiano e, contestualmente, sono giunti, il 09 settembre 2019, 1062 nuovi Volontari, di cui 142 donne, da addestrare.
La formazione dei VFP-1 del 1° blocco 2019 si è sviluppata su un corso della durata di 11 settimane, durante il quale i giovani Volontari sono stati sottoposti a prove di educazione fisica, test teorici su materie militari e prove tecnico – pratiche; lo scopo di questo iniziale addestramento è quello di verificare, al termine del corso di formazione, la crescita e l’acquisizione delle conoscenze e delle capacità di base e combat che verranno, in seguito, sviluppate nei Reparti operativi e logistici dell’Esercito Italiano. Per i VFP-1 del 2° blocco 2019, provenienti dalle diverse regioni della Penisola e tutti di età compresa tra i 18 e i 25 anni, ha inizio la fase addestrativa che si concluderà il prossimo 28 novembre. A testimonianza della vicinanza che la Caserma “O. Salomone” ha con il territorio locale, i nuovi Volontari hanno incontrato il Sindaco del comune di Capua, Architetto Luca Branco che, dopo aver ringraziato il Colonello Giuseppe Zizzari, Comandante del 17° RAV, per il «gradito invito», quale segno tangibile di sinergia tra l’Esercito Italiano e le realtà locali, ha espresso il saluto della cittadinanza capuana ai giovani Soldati; «la città di Capua vuole accogliervi e condividere con voi questo percorso formativo; voi siete una ricchezza di idee perché provenite da tutta Italia e, per questo, vi invito a contribuire e a migliorare la nostra città», ha sottolineato il Sindaco di Capua. Al termine del corso, anche loro, verranno impiegati nei vari reparti, sia operativi che logistici, dislocati su tutto il territorio nazionale. Coloro i quali, invece, ambiscano a prestar servizio negli alpini, paracadutisti, forze speciali, lagunari e fanteria aeromobile, effettueranno un ulteriore periodo di intenso addestramento presso le rispettive scuole di specialità.