|

"PIANO VERTICALE"

Data pubblicazione: 26-05-2019
 

Da venerdì 7 giugno nuovo lavoro discografico del pianista Antonio Fresa dal titolo "Piano Verticale" sarà disponibile fisicamente presso i maggiori stores di dischi, e in download e streaming su tutte le principali piattaforme digitali. "Piano Verticale" è il primo album di una trilogia che Antonio Fresa vuole dedicare al pianoforte, cominciando proprio dal piano verticale. Un progetto che segna una svolta nella vita artistica del pianista partenopeo che nella sua carriera ha maturato numerose e notevoli esperienze, dal palcoscenico di Sanremo a prestigiose nominations e riconoscimenti in veste di compositore di musiche da film (David di Donatello, Nastri d'Argento, Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, Monstra Festival di Lisbona). Il disco verrà presentato dal vivo durante un tour ricco di fascino in inusuali location scelte nell'ottica del "bello" che partirà il 12 giugno da Milano con un in House Concert e proseguirà il 13 giugno a Roma alla Galleria d'Arte Unosunove, il 18 giugno a Napoli con un concerto/evento presso la Chiesa dei Santi Marcellino e Festo, il 22 giugno in un uliveto secolare a Galatone in provincia di Lecce ed il 27 giugno a Venezia al San Giorgio Cafè.
"Piano Verticale" è un disco che ti avvolge; un mondo di idee ed emozioni sussurrate dai tasti di un pianoforte verticale a cui è stato inserito il pedale della sordina. Antonio Fresa ci porta, per mano e con delicatezza, nel suo mondo musicale. Un mondo cinematico, elegante e sobrio in cui composizioni dalle sonorità rarefatte si alternano a brani la cui componente melodica risulta chiara sin dal primo ascolto. La sensazione è quella di una musica in grado di generare immagini, luoghi, volti e paesaggi a cui voler fare sempre ritorno. Così lasciando il rumore alle spalle e riappropriandosi del proprio ascolto, di nuove reminiscenze e rinnovate sensazioni di malinconia che spesso accompagnano i pensieri ed i ricordi più delicati. Nelle otto tracce di cui si compone il disco si compie un viaggio musicale che si arricchisce di influenze classiche e contemporanee, di musica minimale e di frammenti dal colore jazzistico. Alcuni di questi brani sono nati per commentare un film, un documentario, un corto e portano con sé storie di unione, assenza, equilibri e mancanze. Altri sono composizioni nate proprio per questo disco. Ad accompagnare il pianoforte, nei vari ensemble troviamo archi, legni, percussioni e tastiere oltre a due solisti d'eccezione come Luca Aquino alla tromba e Raffaele Casarano al sax soprano.  Altro elemento di pregio sono gli haiku che lo scrittore Lorenzo Marone (autore di: "La tristezza ha il sonno leggero", "Un ragazzo normale", "Magari domani resto", "La tentazione di essere felici", romanzo, quest'ultimo, di grande successo dal quale è stato tratto l'omonimo film con la regia di Gianni Amelio) ha dedicato ad ognuno degli otto brani presenti nel disco. La copertina ricorda i motivi floreali delle litografie giapponesi, di quelle primavere raccontate dalle mani sapienti di artisti giapponesi come Hokusai e Kunisada.