|

PROGETTO "ADOTTA UN ASTERISCO"

Data pubblicazione: 08-11-2018
 
adotta un asterisco presentazione

Nella Sala Giunta del Palazzo San Giacomo, alla presenza del Vice Sindaco , Enrico Panini, è stato presentato il progetto “ ADOTTA UN ASTERISCO “ Con il Vicesindaco Panini, hanno illustrato il progetto : Alessandro Sardu, Maria Rosaria Raglia, coordinatrice regionale di Pari Opportunità Uil Com, Massimo Taglialatela, Segretario Generale, UILM. COM, e Fulvio Frezza, Consigliere Comunale. Il progetto nasce,dice Fulvio Frezza, dalla esigenza di superare lo stereotipo del linguaggio della forma scritta, adottando l’ASTERISCO che simbolicamente rappresenta il neutro, il no gender, al termine di ogni parola rivolta alle persone, troncando e sostituendo l’ultima lettera con un segno neutro. Nel suo breve intervento, il Vice Sindaco, Enrico Pamini, si è detto molto contento di questo progetto e il Comene farà la sua parte per la divulgazione con l’Assessorato Pari Opportunità. “ Il Coordinamento Pari Opportunità e Polemiche di Genere della Uil Bom Campania, dice Massimo Taglialatela, ha progettato, promosso e divulgato, in modo capillare nella propria organizzazione e in tutta la categoria, l’adozione, nella comunicazione  scritta, dell’ ASTERISCO che simbolicamente rappresenta il neutro, il no Gender. “ Adotta un Asterisco “ questo è il nome del progetto, nasce dall’esigenza di superare lo stereotipo che il linguaggio generale nelle sue svariate forme ( ma in particolare in quella scritta ) sia espressione del genere maschile, afferma , Maria Rosaria Raglia.” Il progetto si pone, dice Alessandra Sardu, ex Assessore alle Pari Opportunità e sostenitrice dall’inizio della presentazione del progetto, l’obiettivo di incidere sulla forma mentis di chi scrive rivolgersi alle persone, in quanto tali di genere non necessariamente e preliminarmente definito.”
Finalizzato all’ adozione dell’ASTERISCO, in tutte le comunicazioni scritte all’interno della struttura organizzativa e politica, invitando il proprio management e siglare un patto di adozione dell’Asterisco e conseguenzialmente, ad apporre il logo Nogender in calce alla corrispondenza ed ai provvedimenti amministrativi emanati da chi ha aderito al patto.

ALBERTO ALOVISI