|

L'ARCANGELO GIANLUCA

Data pubblicazione: 04-07-2019
 

Come ben dice il nostro Governatore dott. Vincenzo De Luca,  non bisogna parlare sempre della mala sanità che affligge la nostra Regione ma anche di quella buona in cui la sanità funziona bene. Allora parliamo anche della “Buona Sanità”, cioè di quella che ha a cuore il benessere del paziente che spesso si trova in una situazione di sconforto e spera tanto che qualcuno possa aiutarlo oltre che salvarlo.  Secondo il mio parere le persone che fanno il loro dovere e mostrano interesse per gli altri loro simili dovrebbero avere nome e cognome. Ma a volte questo non è possibile per non urtare varie suscettibilità o mostrare delle preferenze che potrebbero sembrare di parte. Racconto un fatto che mi è accaduto personalmente: il giorno 28 giugno improvvisamente avverto un forte dolore all’occhio sinistro. Non riesco ad aprirlo ed è tutto rosso. Metto delle gocce oculari con antibiotico ma non ottengo nessun risultato ed il dolore diventa sempre più incalzante, mi sentivo sempre peggio. Decido di andare al pronto soccorso oculistico dell’Ospedale Pellegrini di Napoli. Appena arriva il mio turno entro e a mala pena riesco a vedere l’Oculista, al quale spiego  la situazione. Il Dottore si alza guarda con attenzione l’occhio e mi dice: Signora lei ha un problema grave. Incomincia a darmi pillole, gocce  e nello stesso tempo mi rassicura. Poi mi fa uscire e ogni mezz’ora mi controlla , mi mette altre gocce e mi ricontrolla fino a quando la situazione non è migliorata. Che dire, mi sembra di avere incontrato un angelo. Vorrei dire il suo cognome ma dirò solo il nome per riservatezza Dott. Gianluca S. 

Santa Riviera