|

Ripensare la sicurezza internazionale per un mondo post-pandemico

Data pubblicazione: 29-05-2020
 

Per la prima volta a memoria d’uomo, l'umanità sta affrontando una minaccia comune che deve riuscire a sconfiggere collettivamente. È tempo di iniziare a pianificare quando arriverà la vittoria finale. Il virus ci insegna che la gerarchia delle minacce alla sicurezza globale sta cambiando rapidamente e abbiamo a che fare con nemici radicalmente nuovi. Ciò richiede un cambiamento fondamentale nelle nostre priorità di sicurezza. La sicurezza nazionale non dovrebbe più essere definita esclusivamente dalle capacità militari di un paese. Le armi nucleari e altre armi moderne non sono in grado di combattere le pandemie, i cambiamenti climatici, la migrazione incontrollabile e altre sfide affrontate dall'umanità nel suo insieme e da ciascun paese individualmente. Ora vediamo chiaramente che molti dei vecchi strumenti che abbiamo ereditato dai tempi precedenti per garantire la sicurezza sono quasi inutili, consumando semplicemente enormi risorse che potrebbero essere reindirizzate nello sviluppo della scienza, dell'istruzione e della medicina.
https://carnegieendowment.org/publications/81584?utm_source=rss&utm_medium=rss//
Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 16 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite
Pace, Giustizia e Istituzioni Forti

(Fonte Goods news Agency)