|

TEATRO COMUNALE MONFALCONE: Dentro – Una storia vera

Data pubblicazione: 07-12-2021
 
Maria Ariis, Giuliana Musso foto F.Sigillo

Per la rassegna dedicata alla drammaturgia contemporanea, l’appuntamento al Comunale è con Dentro – Una storia vera, se volete, martedì 14 dicembre alle 20.45. Giuliana Musso - cui è stato appena assegnato il Premio della Critica a coronare il suo ventennale percorso tra palco e scrittura - regista, autrice e interprete fra le più sensibili della scena, questa volta si misura con il drammatico tema della violenza sessuale perpetrata in famiglia, con i tabù che rendono più traumatico il dolore delle vittime, imprigionandole nel silenzio del segreto. La Musso, affiancata da Maria Ariis, mette in atto uno spettacolo necessario per ridare voce a quelle persone, in un lavoro non sulla violenza, ma sull’occultamento della violenza.Il “teatro d’indagine” della Musso parte dal reale di storie trascurate per operare una sintesi poetica e rendere l’arte strumento riparatore delle ferite dell’animo umano. Dentro è la messa in scena dell’incontro con una donna e la sua storia segreta. Tutto è affidato alla suggestione e alla forza della parola che si fa testimonianza, che squarcia il velo dell’occultamento della violenza. È la storia di una verità chiusa dentro ai corpi, che lotta per uscire allo scoperto. La bravissima Giuliana Musso, in scena con Maria Ariis, sceglie di raccontare un’esperienza difficile da ascoltare: una madre che scopre la peggiore delle verità, una figlia che la odia, un padre innocente fino a prova contraria. E una platea di terapeuti, consulenti, educatori, medici, assistenti sociali, avvocati che non vogliono sapere la verità. La violenza sessuale è un segreto che rimane per sempre, e per sempre imprigiona le vittime. Se il segreto silenzia una verità che potrebbe danneggiare gli innocenti, la censura protegge vili interessi. E poi c’è il tabù: il puro terrore di sapere la verità. Così l’inconsolabile dolore delle vittime, la loro rabbia vengono filtrati attraverso strategie di rimozione, prime tra tutte la normalizzazione dell’abuso e la colpevolizzazione della vittima. Dentro intende ridare consistenza alla realtà dei traumi, alla voce dell’esperienza: è un piccolo omaggio teatrale alla grande verità dei figli.
I biglietti sono in vendita presso la Biglietteria del Teatro, l’ERT di Udine, i punti vendita Vivaticket e su www.vivaticket.it; la Biglietteria accetta prenotazioni telefoniche (tel. 0481 494 664, da lunedì a sabato, ore 17.00-19.00). Sono inoltre aperte le prevendite per tutti gli appuntamenti in cartellone nei mesi di ottobre, novembre e dicembre.