|

MORTI BIANCHE: ANCHE NEL 2019 DATI RECORD NEGATIVI

Data pubblicazione: 23-12-2019
 
cgil

Nella conferenza di fine anno tenutasi nella sede della CGIL a via Toledo a Napoli, si è trattato di un tema che purtroppo, nonostante l’impegno, non diminuisce: le “morti bianche”, le vittime sul luogo di lavoro. Il video, prodotto dalla FILLEA e CGIL insieme al musicista Nando Musiraca, dal titolo “Anime Bianche” in pochi minuti ha voluto riassumere una piaga che affligge l’Italia da sempre, le morti sul lavoro. Un video che rappresenta uno spaccato, crudo ma realistico, di cosa significhi per una famiglia e per la società la scomparsa in un modo così brusco di un lavoratore.Come sottolineato dal Segretario generale Fillea/CGIL Campania Vincenzo Maio presenziando la conferenza “cambiano i governi e i rappresentanti delle Istituzioni, ma il problema delle morti resta, e con il passare degli anni non smette di diminuire”. Il Segretario si riferisce agli ulteriori 72 deceduti sul lavoro solo in Campania nel 2019, aggiungendo “sono molti, troppi, sperando di non toccare mai più il picco raggiunto negli anni scorsi di quasi 100”.Il problema,  si percepisce nella scarsa cultura della sicurezza, non solo da parte dei lavoratori in prima persona ma soprattutto da parte delle Istituzioni che non applicano severi regolamenti.Il Segretario, sul tema, si sofferma sul problema degli stranieri che lavorano nei cantieri sottolineando come il problema della lingua, in molti casi conosciuta poco, sia una barriera per la corretta comprensione dei comportamenti da ottemperare durante le procedure che molto spesso richiedono massima attenzione, come la costruzione e il movimento sulle impalcature. “Fillea – continua il Segretario Generale – fa partire una campagna di comunicazione sociale martellante. Per questo, ci costituiremo parte civile in ogni processo dove la vittima è stata un lavoratore. Con il denaro raccolto è creata una associazione non-profit dove i proventi saranno destinati a campagne di sensibilizzazione e promozione della sicurezza”.
Il fenomeno del “Dumping Down” contrattuale, il sottodimensionamento contrattuale, diventa un problema sempre più serio: se un individuo è assunto con contratto diverso dalla mansione specifica, uno su tutti operaio di cantiere edile, se non correttamente inquadrato non ha diritto alla formazione; molto spesso questa mal-pratica lavorativa porta a tragedie che troppo spesso vediamo su tutte le reti giornalistiche. ll musicista Nando Misuraca, direttore dell’etichetta discografica indipendente “Suono Libero Music”, presentando i video prodotti per la campagna ha sottolineato, anche da un punto di vista personale e familiare, come la perdita di una persona cara in questo modo sia molto difficile e sofferente. L’Assessore al Verde e Qualità della Vita, Luigi Felaco, è intervenuto alla conferenza stampa sottolineando l’importanza di una collaborazione che vada oltre il patrocinio, impostando con atti formali che diano un chiaro segnale alla cittadinanza non solo napoletana
.

 

Alberto Alovisi