|

RICO FEMIANO A RADIO STUDIO EMME

Data pubblicazione: 22-12-2021
 

Appuntamenti settimanali imperdibili con la buona e selezionata musica di Radio Studio Emme, la storica emittente leader nel settore napoletano e neomelodico, fondata e creata con serietà e professionalità dalle editrici, le sorelle Annamaria e Susy Viscardi e che ora viene gestita, con lo stesso amore e la stessa dedizione di prima, da Annamaria sempre nel ricordo della dolce Susy.  Mercoledì 22 dicembre, a partire dalle ore 19,00, negli studi della storica radio di Corso Novara, 80, lo speaker Cristian Gambardella e il giornalista Antonio D’Addio hanno avuto come ospite il bravissimo artista neomelodico Rico Femiano, che da qualche anno si è posizionato ai vertici del gradimento del pubblico e degli addetti ai lavori, le sue canzoni accompagnano le nostre giornate e la sua serietà gli sta dando ottimi frutti. Rico si è raccontato con sincerità e schiettezza soffermandosi anche sulla sua vita personale, familiare e sentimentale – con la sua ragazza a breve partirà per una giusta vacanza sulla neve – ci ha fatto rivivere le tradizioni natalizie di casa sua (panettone, struffoli, albero e presepe insieme, menù a base di pesce e la classica tombolella). Nel corso della serata radiofonica Rico, stimolato da Cristian, ha intonato alcuni suoi successi a cappella, altri li abbiamo ascoltati in radio, ha espresso la sua soddisfazione per tutto quello che sta realizzando e ci ha anticipato alcuni nuovi progetti per il 2022 tra cui due nuovi singoli che usciranno nei primi mesi del 2022. Non potevano mancare i riferimenti a due successi del momento: Io so Guaglione, cantato con le due colleghe Nancy e Stefania Lay, e Sì 'a cosa cchiù bella con Mr.Hyde, che stanno raggiungendo milioni di visualizzazioni. Un desiderio del nostro Femiano? Duettare con Eduardo De Crescenzo o con Gigi Finizio. Al termine del programma Rico ha voluto formulare i suoi più sinceri auguri di Buon Natale e di un Sereno Anno Nuovo raccomandando soprattutto la salute, la serenità e la debellazione di questo maledetto virus invisibile che sta causando tante difficoltà in molti settori lavorativi compreso quello musicale.