|

AMBER HOPE AI TEMPI DEL COVID 19

Data pubblicazione: 24-04-2020
 

L’emergenza sanitaria che sta paralizzando l’Italia e il Mondo intero non frena l’estro di influencer, youtuber e personaggi televisivi che, numerosi, si sono riversati sui social per far sentire la loro voce e le loro idee in questo periodo di isolamento forzato a causa del Coronavirus. Tra loro anche la bellissima modella Amber Hope, già ospite di Barbara D’Urso a Live, dopo aver preso il sole in topless, in centro a Milano, in segno di protesta contro la disparità tra i sessi. La mannequin di Novara, infatti, è molto attiva sul suo profilo Instagram attraverso il quale sta pubblicizzando innumerevoli campagne di grande spessore sociale. Noi de Lo Strillo l’abbiamo intervistata, in esclusiva, per voi.
Amber, come sta trascorrendo questo periodo di isolamento forzato?
“Sto passando questo lungo periodo di reclusione da sola con mia figlia, tra pizze fatte in casa, dolci, torte e lavoretti vari. Per non parlare della fatica nello starle dietro per i compiti di scuola in modo che possa restare al passo con il programma! Con un po' di inventiva so riesce a fare tutto”.
Sul suo profilo Instagram sta pubblicizzando diversi progetti artistici e sociali…
“Si, la mia vena artistica si è fatta molto sentire in questo periodo. Ho ripreso le mie lezioni di canto interrotte anni fa, ho fatto degli scatti prettamente in bianco e nero a tema Covid19. Foto che ritraggono persone comuni, altre invece che rilevano i miei stati d’animo e ho deciso che a fine quarantena le stamperò tutte, facendole diventare delle polaroid e poi chi lo sa, magari un libro…”
Secondo lei, cosa cambierà dopo la quarantena?
“Sicuramente leggeremo periodo storico sui libri di scuola. Penso che l’isolamento servirà a cogliere meglio le piccole cose, a capire realmente quello che vogliamo fare della nostra vita, attraverso un viaggio introspettivo per comprendere se quello che stiamo costruendo è giusto o c'è qualcosa da sistemare. A me personalmente è servito molto in questo senso. Spesso la quotidianità frenetica che ci impone la società non ci permette di trovare il tempo per fermarci un attimo e capire quello che stiamo facendo. Ma questo non deve più capitare”.
Cosa farà appena si tornerà alla normalità?
“La prima cosa che farò sarà riabbracciare mio padre, poi i miei amati cavalli e, infine, sistemare tante cose irrisolte. In questo periodo di quarantena ho subito della pressione psicologica da parte di ‘un fantasma nero’ riapparso dopo tanti anni, sbattendomi improvvisamente in faccia la realtà di tante cose di cui ero all'oscuro. Non è stato semplice prendere la situazione in mano ma ho dovuto farlo. Questa quarantena non mi ha risparmiata. Ma l'importante è uscirne più forti e io la forza la trovo ogni sera prima di andare a dormire quando abraccio mia figlia”.
                                                                                                                                             Stefano Di Capua (foto di Fabio Pregnolato)