|

SI È CONCLUSA CON SUCCESSO IL NOLO FRINGE FESTIVAL

Data pubblicazione: 14-09-2020
 
Della Vergogna foto Photonolo

Con più di 1.500 presenze in 6 giorni, si è conclusa domenica 13 settembre la seconda edizione del NoLo Fringe Festival, la rassegna di arti performative che porta il teatro dove non c'è. La manifestazione ha registrato il tutto esaurito, con biglietti sold-out in pochissimi giorni dall'apertura delle prenotazioni. Il Festival, inizialmente programmato per giugno, è stato spostato dall'8 al 13 settembre ed è stato ricalibrato nella programmazione, dando più spazio a nuove location all'aperto e spettacoli itineranti per piccoli gruppi.  L'ottemperanza alle norme anti-Covid e la necessità di ampliare l'offerta ha stimolato la ricerca di nuovi spazi, oltre alla sinergia con tante realtà già presenti nel quartiere. Fin da subito abbiamo creduto che fosse necessario riprogrammare il festival. Abbiamo cominciato a ripensarlo in aprile, in un momento in cui la mancanza di certezze sul futuro ci ha fatto sentire talvolta pazzi, talvolta incoscienti. Siamo certi che il teatro sia uno stimolo importantissimo per la sua capacità di riflettere sull’esistente e di trasmettere energia tra performer e spettatore. La risposta entusiasta di un pubblico curioso e attento da tutta Milano, confluito a NoLo per gli spettacoli, ce ne ha dato merito.
L'attrice e autrice Giulia Vannozzi è la vincitrice del NoLo Fringe Festival, con lo spettacolo toccante e attuale “Della vergogna”. Il pubblico del festival la premia con una media altissima, mostrando di apprezzare un teatro che parla del presente, dalla forte motivazione civile. Vannozzi porta in scena la storia vera di Tiziana Cantone, giovane donna morta suicida quattro anni fa, dopo che un suo video porno ha cominciato a girare nella rete. "Posso fare quello che voglio e domani giurare di non averlo fatto. Posso essere erotica. Eccessiva. Sporca. Perché ognuno con il suo corpo fa quello che vuole. Ma se qualcuno mi vedesse mentre lo sono, rivendicherei la mia libertà o me ne pentirei? C’è un video di me, da qualche parte. Intimo. Come il video della storia che sto raccontando. Il video di una ragazza che era bella bella e ora non lo è più”. Dal testo dello spettacolo
La Compagnia Aronica/ Barra, composta da Salvatore Aronica, Stefano Barra e Daniele Turconi, vince la menzione critica di “Stratagemmi prospettive teatrali”.
Per aver portato avanti una riflessione non scontata sul ruolo del comico, sulla sua relazione con il pubblico e con la ricerca del successo. Il rapporto del duo dei Pappagallini si fa strumento per un ragionamento metateatrale e su alcuni consumati meccanismi del mondo dello spettacolo contemporaneo. Con un sguardo rivolto a un un passato poco frequentato e a maestri dimenticati, Salvatore Aronica e Stefano Barra guidati da Daniele Turconi, offrono al pubblico uno sguardo critico che allo stesso tempo si apre a nuovi possibili scenari creativi.
Il NoLo Fringe Festival si svolge con il patrocinio del Comune di Milano ed è all'interno del palinsesto di “Aria di Cultura”. Rientra ne Lacittàintorno, il programma di Fondazione Cariplo che incoraggia gli abitanti dei quartieri fragili a riattivare e dare nuovi significati agli spazi disponibili, al fine di migliorare la qualità della vita e stimolare nuove geografie cittadine, attraverso la promozione di attività culturali e artistiche nei quartieri di Adriano, via Padova, Corvetto e Chiaravalle. www.lacittaintorno.it.Si svolge grazie a Jameson Whiskey (main sponsor), CityScoot e BPR.