|

I confortanti dati sul Turismo Enogastronomico Italiano

Data pubblicazione: 31-01-2020
 
Alberto Lupini e Roberta Garibaldi

Presentato a Milano presso l’Unicredit tower hall, con moderatore Alberto Lupini Direttore Responsabile Italia a Tavola, la 3° edizione annuale del “Rapporto sul Turismo Enogastronomico Italiano 2020” a cura di Roberta Garibaldi, Prof. Universitario di Tourism Management Exploring, Food, Tourism. Al simbolico padrone di casa, Massimo Costantino MacchitellaHead of Small Business &FinancingProducts UniCredit, abbiamo chiesto quale è il ruolo del famoso istituto bancario a sostegno del progetto della Garibaldi e la risposta è stata: “Unicredit supporta il binomio inscindibile fra turismo ed enogastronomia, nella convinzione che l’aspetto del percorso enogastronomico sia una componente fondamentale per valorizzare il turismo essenziale, è questo uno degli aspetti! Quindi la capacità di gestione del territorio i suoi aspet culturali archeologici e l’enogastronomia,che è una parte integrante di quello che vive il turista nel visitare il territorio e quindi eleva la qualità dell’attrazione turistica. Noi riteniamo che questo sia importantissimo, sia una leva fondamentale per poter valorizzare i nostri territori e quindi attraverso questo progetto ci mettiamo a disposizione per supportare, non solo attraverso il nostro mestiere ordinario di erogare credito, ma anche mettendo a disposizione una capacità consulenzialedi creare net working, di aggregare imprese sul territorio, allo scopo di realizzare questo obiettivo. Possediamo aspetti territoriali che non hanno eguali al mondo e l’eccellenza è proprio una caratteristica del nostro territorio per riuscire ad offrire una molteplicità di offerta irreplicabile in nessuna pare del mondo. Il turismo enogastronomico è decisamente in crescita, si sta consolidandosempre più intercettando quelle che sono le esigenze della domanda.Turismo attualmente è vivere un’esperienza che significa gustare le eccellenze che il territorio offre. I nostri obiettivi sono aiutare tutti gli attori che operano sul territorio per valorizzare ulteriormente gli aspet dello stesso, in modo che migliori e consolidi la sua attività turistica. Intendiamo dare il nostro contributo in ciascuna regione d’Italia per valorizzare un progetto del genere. Da ottobre dello scorso anno abbiamo voluto dare concretezza a questa iniziativa di sostegno al turismo e all’agroalimentare mettendo a disposizione degli operatori, delle imprese e delle istituzioni tutto il nostro know-how in termini di accordi, in sede di consulenza ed anche in termini concreti di finanza nei territori locali con 5 miliardi di investimento per il triennio 2019/ 2021. Un progetto ambizioso che stiamo perseguendo con grande impegno, ma anche conla soddisfazione che trova grande riscontro sul territorio dell’intero Stivale con un rilancio anche dell’economia”. Ottimistica è stata anche la visione di Giorgio Palmucci Presidente ENIT, in merito ai confortanti dati sul rapporto 2020, sul turismo enogastonomico italiano, presentato in una sala gremita di giornalisti del settore, da Roberta Garibaldi. Molto esaustiva è stata la parte clou dell’incontro per la presentazione del “Rapporto sul Turismo Enogastronomico Italiano 2020” che Roberta Garibaldi, curatrice dei due volumi sotto l’egida della World Food Travel Association e l’Associazione Italiana Turismo Enogastronomico, ha presentato alla stampa. Il rapportocomposto da due volumi offre un quadro completo e rigoroso di un settore del turismo che negli ultimi anni evidenzia un continuo trend di crescita. Roberta Garibaldi, autore del rapporto,analizzando i confortanti dati sul turismoha affermato: “Si consolida l’interesse dei turisti verso l’enogastronomia nei Paesi occidentali, e sono in forte crescita i turisti enogastronomici in Cina e Messico. Dal 2016 si evidenzia un incremento rispettivamente del +12% e +10%. Il totale di chi ha dichiarato di avere svolto almeno un viaggio con questa motivazione negli ultimi due anni a livello internazionale è pari al 53%. I Millennials guidano il trend tra le generazioni, mentre si affacciano i nuovi ‘super foodie’, i nati della Generazione Z: viaggiatori frequenti che già mostrano un alto interesse verso il cibo. I nuovi turisti sono eclettici, l’Italia è leader a livello europeo nell’offerta ed abbiamo tante esperienze che il turista può vivere nel nostro Paese che occorre valorizzare, abbiamo conquistato tanti primati, ma occorre ancora migliorarli. Il tutto rappresenta margini di miglioramento come gli Award regionali ed analizzando il trend degli ultimi tre anni, il Centro-sud risulta essere la macro-area più dinamica con i maggiori incrementi nell’offerta”.Ben 735 pagine di dati e analisi per delineare sia l’offerta del “sistema Italia”, comparato a livello europeo e nazionale, sia il profilo del turista internazionale di Francia, Regno Unito, Canada, Stati Uniti d’America, Messico e Cina, costituiscono l’attento lavoro sviluppato da Roberta Garibaldi. La Garibaldi, con il supporto di UniCredit e PromoTurismoFVG e il patrocinio di ENIT-Agenzia Nazionale del Turismo, Federculture, Fondazione Qualivita, ISMEA, Touring Club Italiano, oltre alla collaborazione di Travel Appeal, TripAdvisor e Semrush; nel suo volume “L’Offerta” esprime al meglio, con un’analisi completa in riferimento ai tanti aspetti che l’incremento turistico necessita e richiede, tantissime idee di sviluppo possibili, anche secondo logiche di miglioramento delle stesse esperienze dal lei fatte in tanti viaggi di studio all’estero. Con un riferimento alle nostre potenzialità di sviluppo che offrono i prodotti tipici, vere eccellenze del territorio, inimitabili per terreni, condizioni climatiche anche tanto diverse fra una regione e l’altra, che insieme alla cultura dei maestri chef d’ogni zona dell’Italia, possono essere offerte al turismo insieme alle bellezze storiche, artistiche e paesaggistiche che formano un tutt’uno di cultura e potenzialità indiscusse dell’Italia. L’altro volume “La domanda”, invece è, la versione italiana del “Food Travel Monitor 2020” redatto della World Food Travel Association, e che vede Matthew J. Stone, Steven Migacz ed Erik Wolf coautori con Roberta Garibaldi con main sponsor il Quebec.Anche Bruno Bertero Direttore Marketing Promo Turismo Friuli Venezia Giulia, nel suo intervento ha ribadito il costante incremento turistico nella regione da lui rappresentata, condividendo le affermazioni fatte dalla Garibaldi sui positivi sviluppi sia qualitativi che quantitativi realizzati e che si intendono sempre più sviluppare. Invitando tutti i presenti, a termine conferenza ad una degustazione del buffet ricco dei tanti prodotti tipici dell’enogastronomia cheil Friuli Venezia Giulia vanta. Un ricco programma di incontri “FoodTurismDay”, ideati e coordinati da Roberta Garibaldi, si succederanno lunedì10 nella sala Red dei padiglioni della BIT 2020 in programma a Fiera Milano City dal 9 all’11 febbraio, di ora in ora dalle 10.00 alle 17:30 su varie tematiche per meglio affrontare, approfondire e svilupparei tanti aspettiinerenti al turismo.

Giuseppe De Girolamo