|

"LUISA, UNO SGUARDO OLTRALPE" IN SCENA "A CASA DI ANDREA"

Data pubblicazione: 11-02-2020
 
attori e pupazzi

Per il nuovo appuntamento della quinta edizione di Mutaverso Teatro, in programma la versione teatrale da camera di “Luisa, uno sguardo Oltralpe”, soap opera sperimentale, anarchica e surreale recitata da attori e pupazzi, giovedì 13 febbraio alle ore 21 presso la sede dell’Associazione “A Casa di Andrea – LVH”, in via Posidonia 153 a Salerno. L’evento, organizzato da Erre Teatro, inaugura la sinergia con l’Associazione Onlus dedicata alla memoria di Andrea Cerbarano, prematuramente scomparso in seguito ad un incidente stradale nel gennaio del 2016. «Fare parte di un programma così importante affiancati a palcoscenici storici del teatro salernitano è motivo di orgoglio per una piccola e giovane Associazione quale è “A Casa di Andrea”, ma anche importante segnale di impegno, serietà e passione nel portare avanti progetti solidali in nome del nostro Andrea» commenta Dino Cerbarano, fondatore, insieme alla moglie Melina, dell’Associazione Onlus impegnata in progetti di solidarietà sul territorio nazionale ed internazionale, come Costa d'Avorio e Brasile.
Tre gli appuntamenti, tra quelli della Stagione Mutaverso Teatro ideata e diretta da Vincenzo Albano, che verranno realizzati nel 2020 “A casa di Andrea” al fine di stimolare processi di partecipazione e innovazione collettiva attraverso gli strumenti propri del teatro in grado di favorire esperienze culturali nel più ampio senso dei linguaggi artistici e delle relazioni umane e creative. Il primo di questi, giovedì 13, vedrà in scena in scena Nano Egidio, collettivo formato da Marco Ceccotti, Simona Oppedisano, Francesco Picciotti, una delle realtà teatrali indipendenti fra le più apprezzate della scena comica romana, che ha deciso di approdare nel mondo dell’internet realizzando la webnovela “Luisa, Uno Sguardo Oltralpe”, trasmessa sui canali social del gruppo. Gli attori, i pupazzi e i giocattoli continueranno a far vivere le strampalate e amabili avventure di Luisa in uno spettacolo dal vivo a cavallo tra innovazione e tradizione comica in perfetto equilibrio tra la comicità demenziale cara ai Fratelli Farrelly, nonsense e raffinato umorismo, insieme a una irriverente satira di costume e politica, costruita facendo anche ricorso alle tecniche di animazione dal vivo del Muppet Show. Ma in questa esilarante teatro-novela è possibile anche trovarci un’immagine nitida di quella bella Italia che non c’è più, un’ Italia forse un po’ ingenua ma che ha ancora tanto da insegnarci.