|

VINOFORUM 2020 con 3 tre piatti signature che hanno fatto innamorare i romani e non solo...

Data pubblicazione: 04-09-2020
 
Adelaide Chef Gabriele Muro


Adelaide al Vilòn, la novità très chic della Roma gourmet, quasi nascosta in un'ala di palazzo Borghese in via dell'Arancio, cattura da subito lo sguardo e il palato. Un ambiente intimo e charmant ma con piacevole informalità e una cucina che va diritta al cuore oltre che al palato. Una cucina che il 15 e 16 settembre si potrà assaggiare a Vinoforum- Lo Spazio del Gusto nel Parco di Tor di Quinto a Roma, il primo grande evento enogastronomico dopo il lockdown, una festa per il palato.
Per il temporary restaurant di VINOFORUM 2020 martedì 15 e mercoledì 16 settembre Gabriele Muro, lo chef di origini procidane, presenta:
 IL VIZIETTO, Sandwich di Ombrina, Scarola e Maionese di Alici
IL PIÙ GNOCCO DE ROMA, Gnocchi di Patate ripieni di Cacio e Pepe, Zucchine Romanesche e Riccio di Mare
NON SBIRCIARE, Ganache montata alla Vaniglia Tahiti, cuore morbido di pralinato alla Nocciola e biscotto al Cioccolato.
Intriganti con brio già nei nomi, come tutto il menu di Adelaide che nel naming dei piatti incuriosisce con leggera ironia. E' un approccio gioioso quello di Gabriele Muro alla cucina, lo stesso del suo sguardo incline al sorriso.
Piatti dal gusto contemporaneo, una cucina d'autore, fine dining, concentrata, diretta, autentica nei sapori ben distinti. Piatti che spaziano nella cucina mediterranea, citazioni romane o simboli della classicità rivisitata secondo uno stile forte di un solido bagaglio tecnico fatto di semplicità e memoria, intuizione e talento.
Stagionalità dei prodottti, cotture leggere, tecnica solida nel pieno rispetto e valorizzazione delle materie prime. Un mix di tradizione e contemporaneità in un ambiente di grande charme dove atmosfera e accoglienza giocano un ruolo altrettanto decisivo.
Una convivialità riservata, mai troppo formale, un lusso sottovoce, fatto di dettagli e attenzioni, gli stessi che Samuele Florio, direttore di sala e sommelier, mette nel servizio.

Aurelio Badolati