|

Sono iniziati i primi allenamenti in palestra della Campagna Sociale #NONABBASSIAMOLAGUARDIA

Data pubblicazione: 21-09-2020
 
Giulia

Lanciata a luglio, l’iniziativa solidale è partita con entusiasmo e nonostante le difficoltà del periodo storico che impone ancora molte ristrettezze per la situazione epidemiologica e quindi un ritardo sulla ripartenza di tutte le attività. Proprio per questo la FPI, in accordo con FNOPI, ha deciso di prorogare la scadenza delle adesioni alla campagna al 27 settembre p.v., per dare la possibilità ad altri infermieri e figli di richiedere il BoxeVoucher ed alle società sportive FPI di organizzare al meglio i corsi di prepugilistica, ripartendo in sicurezza e con la massima collaborazione.Dedicata agli infermieri iscritti all’Albo FNOPI che hanno svolto attività in ambito COVID-19 e che, con coraggio e senso di responsabilità, continuano a stare in prima linea nella lotta contro il coronavirus, ed ai loro figli, l’iniziativa prevede da parte della FPI l’offerta di 1000 BoxeVoucher per 3 mesi di allenamento gratuito, fruibili da settembre a dicembre 2020, nelle società sportive affiliate alla Federazione presenti sul territorio nazionale, e la copertura dei costi degli abbonamenti, con un contributo alle ASD/SSD, e del tesseramento dei beneficiari, ai fini assicurativi e sanitari.Molti infermieri e figli sono già entrati in palestra per tenersi in forma, combattendo insieme lo stress accumulato e trovando un conforto al dolore vissuto. La parola d’ordine di questa campagna è proprio il benessere che, sia a livello fisico che mentale, la FPI vuole restituire agli infermieri ed alle loro famiglie attraverso la pratica sportiva e la quotidianità. Questa la missione condivisa dal Presidente FPI Vittorio Lai e dal Presidente FNOPI Barbara Mangiacavalli, insieme a tanti Campioni/Ambassador AOB e PRO dell’iniziativa, tra cui Roberto Cammarelle, Irma Testa, Emanuele Blandamura, Giovanni De Carolis e Luca Rigoldi.