|

Turismo: 2 giorni di confronto europeo e nazionale sui flussi e sulle locazioni brevi

Data pubblicazione: 12-02-2020
 

Un confronto serrato sulle politiche di gestione dei flussi turistici nelle città e sopratutto per ragionare insieme su come agire a livello europeo per arginare l’assoluta deregolamentazione che ha permesso in questi decenni lo snaturamento e l’omologazione dei centri storici di tutte le città europee e la conseguente espulsione progressiva degli abitanti. “Ne abbiamo voluto discutere innanzitutto con Barcellona perché è stata in questi anni la metropoli europea che per prima e con maggiore incisività ha dato l’allarme, mettendo in campo politiche concrete e campagne efficaci a regolamentare l’impatto delle piattaforme della sharing economy sulle città” - dichiara l’assessore de Majo. La discussione si è articolata in diversi punti legati alla sostenibilità dei flussi turistici e sulle misure volte ad armonizzare la tutela dell’ambiente, lo sviluppo economico e la qualità della vita dei residenti.  Il confronto sui medesimi temi proseguirà domani pomeriggio con gli assessori al turismo di molte delle principali capitali del turismo italiane: Bari, Bologna, Catania, Firenze Milano, Palermo, Roma, Torino e Venezia per discutere di locazioni brevi finalizzate alla ricezione turistica e per dare auspicabilmente un contributo concreto all’intenzione manifestata di recente dal Ministro Franceschini di agire concretamente su una questione che è diventata una priorità di tutte le città d’arte.