|

TEATRO SANNAZARO:Dedicato a Schubert

Data pubblicazione: 09-05-2022
 
Cannavale, Cerchia

La musica per pianoforte a quattro mani fu per Franz Schubert un mezzo di espressione particolarmente congeniale, come testimonia il numero altissimo di composizioni che dedicò a questo organico, che ne evidenzia l’evoluzione del linguaggio nel tempo.  Nel programma della serata i primi due brani furono scritti da Schubert durante un soggiorno al castello degli Esterhàzy a Zseliz, come professore di musica di due giovani nobili pianiste: la contessa Carolina e la sorella Marie. Chiude il programma la Fantasia in fa minore per pianoforte a quattro mani  D940, risalente agli ultimi mesi di vita e pubblicata postuma da Diabelli nel 1829. È davvero musica sognante, poesia sonora per il sentimento che la ispira, poiché la dedicataria era proprio l'amata ex allieva Carolina, per la quale Schubert provava un amore irrealizzabile. Il pianoforte a 4 mani, il cui repertorio è raramente visitato, richiede ad entrambi i pianisti notevoli capacità tecniche e soprattutto una profonda attenzione nell’udire e organizzare il suono: Maria Libera Cerchia e Antonello Cannavale formano un duo stabile dall’invidiabile affiatamento, e sono stati più volte ospiti della Associazione Alessandro Scarlatti. L’accesso ai concerti è consentito con mascherina FFP2