|

Il progetto MarTur

Data pubblicazione: 31-01-2020
 
Borse progetto MarTur

Tutto ebbe con la creazione "Ciatu di Panari", dove le eclettiche eclettico Valentina Di Prima ed Emilia Mignemi, divisarono il Panaro Siciliano, con una collezione di borse ad hoc dedicate alla donna sofisticata e ricercata, semplice ma raffinata, ma sempre con quel quid di classe, così da essere unica come ogni creazione MarTur.Infatti le borse MarTur sono realizzate interamente a mano, con pregiati tessuti e accessori, come pietre, ricami, passamanerie, panno e orli speciali.Oggi Emiliana Doriana Mignemi, ennese di nascita e attiva come l’Etna della città in cui vive ormai da vent’anni per amore e attenta ai dettagli e tradizioni come Palermo, sua città d’adozione ha ideato una nuova linea di borse, dedicata a Sant’Agata, patrona di Catania.“Oggi tutto si evolve e tutto è social - spiega la Mignemi - ma non dobbiamo mai dimenticare le nostre tradizioni e il contatto umano. Io amo la mia Sicilia e ogni luogo dove ho vissuto mi insegnato qualcosa. Catania è per me speciale ed è stato logico dedicare a Sant’Agata, una delle mie creazioni. Non dobbiamo mai pensare ad un’offesa per i credenti, perché ben l’80% della moda occidentale si è ispirata al mondo cattolico. Dobbiamo pensare che, Fede o meno, le tradizioni e la nostra storia non vanno dimenticate né offese. Semmai rivisitate per renderle attuali e sentirle nostre. Presto vi sveleremo nuove sorprese dove la donna è sempre protagonista”. E i follower hanno apprezzato la bellezza, il culto e la ricercatezza dei dettagli e dei materiali che mai sono lasciati al caso in questa creazione a edizione limitata che è andata esaurita e venduta in Italia e in Germania.