|

SEMPRE PIU' A RISCHIO LA GESTIONE DELLE CASE POPOLARI

Data pubblicazione: 03-02-2020
 

Dopo una lunga discussione il CDA dell’ACER non ha approvato il bilancio di previsione che dovrebbe consentire l’avvio della gestione della nuova azienda. Il Consiglio, prima ancora di avviare la gestione, vuole garanzie dalla Regione per il pagamento del debito accumulato per l’IMU e per eventuali morosità degli utenti.Ci si chiede se, dopo mesi di discussione, interventi dei soloni della finanza regionale che hanno addirittura previsto la messa in liquidazione degli ex IIAACCPP per tenere indenne la Regione da possibili ricadute del debito degli ex Istituti,  è ancora possibile assistere a tali diatribe.Tanto valeva rimanere le cose come stavano anche perché, nel bene e nel male, comunque gli Istituti garantivo la gestione del patrimonio pubblico.Le OOSS degli inquilini avevano, da tempo, lanciato l’allarme sullo stato delle cose, chiedendo vari incontri all’Assessore al ramo che, in maniera assolutamente ingiustificabile, si è sottratto ad ogni confronto sul merito delle questioni.
Nei giorni scorsi i rappresentanti degli inquilini hanno informato le Prefetture della Campania sullo stato delle cose, sempre più preoccupanti per il possibile blocco delle attività di gestione e soprattutto manutentive del patrimonio pubblico, con seri rischi per la sicurezza e la salute dei cittadini. Le Organizzazioni e Associazioni degli inquilini SUNIA-SICET-UNIAT-ASSOCASA hanno avviato una campagna di informazione e mobilitazione dell’utenza programmando un attivo di tutte le strutture di base delle OOSS e Associazioni dell’utenza per Venerdì 7 Febbraio alle ore 10,30 presso la Camera di Commercio, sala del Parlamentino per definire tutte le iniziative necessarie per sbloccare la situazione e far avviare concretamente la riforma delle politiche abitative e della gestione del patrimonio pubblico in Campania.