|

CENTRO TEATRO SPAZIO: SIAMO UN PAESE MERAVIGLIOSO!

Data pubblicazione: 28-01-2020
 
Pezzella

Se è vero che la famiglia è lo specchio del paese in cui essa vive, quella di Alfredo Felice Pezzella ne è l’esempio più chiaro. Soprattutto se il paese in questione è l’Italia: questo meraviglioso paese in cui il lavoro scarseggia, la criminalità dilaga, l’ignoranza cresce a dismisura, la politica fa più ridere delle barzellette, i valori morali scarseggiano, i social sono il nostro Credo quotidiano, seguiti a ruota dalla tv spazzatura e la pubblicità! Ma il caro sig. Alfredo Felice Pezzella sorride e racconta fiero le sue giornate, passate accanto alla moglie Flora, comandante delle C.F.P.S. ovvero Comando Familiare Pulizia Segreta: dove passa lei, non nasce più un acaro! Se l’Art. 29 della Costituzione italiana dice: Il matrimonio è ordinato sull'eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell'unità familiare. Quei limiti oramai sono stati superati, aboliti, disintegrati, sin dalla prima notte di nozze, dalla sig.ra Flora che fa del marito Alfredo, un uomo provato e privato di ogni diritto e rovescio. Ma tenacemente e romanticamente lui resiste e difende quell’ultimo vessillo della famiglia modello… il modello 730!La comicità naturale di Pezzella che affronta, con la solita buffa e disincantata visione del mondo, vari aspetti della vita quotidiana dell’italiano medio, regala agli spettatori un’ora e mezza di risate e riflessioni. Ad accompagnarlo in scena come special guest, ma soprattutto come vecchi amici, i Rescatto, una band che con il suo stile un po’ rétro fa sembrare nuovi i brani classici e nostalgici quelli appena usciti. La regia è di Pietro Pignatelli, anche lui vecchio compagno di accademia di Alfredo. Cresciuto tra i musical e la prosa, con qualche esperienza televisiva e cinematografica, ha immediatamente accolto l’invito di Pezzella a curare la regia dello show, dichiarando:  “Ho amato subito il genio di Alfredo, quando il primo giorno che lo conobbi, entrando in un bar il ragazzo dietro al banco gli chiese: “Lei cosa prende?” E lui: “Tutto con leggerezza!” E così cercherò di fare anche io, semplificherò il più possibile la messinscena, in modo da aggiungere più leggerezza allo spettacolo. Ma la musica non potrà mancare, accompagnerà e sottolineerà i concetti e le battute espressi dal sig. Alfredo Felice Pezzella!”