|

SKAL ROMA AL TEMPO DEL COVID 19

Data pubblicazione: 11-11-2020
 

Il 2020 volge al termine, purtroppo senza buone notizie sul fronte COVID 19. Il settore Turismo, di cui SKAL rappresenta tutte le 32 categorie, attraversa la peggiore crisi dal dopo-guerra. Per questo SKAL Roma, afferma il Presidente  Paolo Bartolozzi, ha dovuto  modificare  la sua attività, fornendo ai soci nuovi strumenti ed opportunità di recupero e di rilancio così da facilitare il nuovo inizio non appena sarà possibile. Un lavoro possibile, grazie al contributo e allo spirito di collaborazione e di lavoro di tutto il Board, del Consiglio Direttivo e di tutti i membri, la vera ricchezza di un’Associazione come lo Skal Roma. Lo Skal International Roma, continua Paolo Bartolozzi  si caratterizza per la sua Attività di “Think-tank”, un pensatoio, per suggerimenti strategici ed operativi, a disposizione delle Istituzioni e del mondo imprenditoriale. La natura internazionale del turismo nel nostro paese richiede un grande coordinamento tra gli stati; per favorire il ripristino delle comunicazioni e dei trasporti, soprattutto intercontinentali, la strategia tracciata dal Presidente e dal Board di Skal Roma è quella di coinvolgere tutte le rappresentanze diplomatiche presso lo Stato Italiano, il Vaticano e la FAO per  far conoscere lo Skal International. Essere “Ambassador con gli Ambassadors”.  Una strategia, iniziata  il  4 settembre  con l’incontro con l’Ambasciatore del Messico in Italia, S.E. Carlos García de Alba. Dall’incontro è nato  un impegno reciproco di promozione dei rapporti, lo sviluppo del traffico turistico bilaterale e l’organizzazione di attività ed eventi congiunti.