|

ALFONSO CIRILLO: GENERAZIONE TWINK

Data pubblicazione: 01-05-2020
 

Viso pulito, carattere affabile ma determinato, fisico asciutto e ben definito. Alfonso Cirillo, ventuno anni, di Torre Annunziata, è uno dei modelli campani più ricercati del momento. Già in copertina sul prestigioso settimanale Novella 2000, l’indossatore napoletano rappresenta pienamente quella bellezza primordiale, quasi efebica, assai richiesta da alcuni settori del fashion system. Simbolo della nuova generazione twink che avanza, fatta di giovani e giovanissimi sempre più estroversi e pronti a mettersi in gioco sui social e in televisione, Alfonso non ha grilli per la testa e ha già un lavoro stabile, al di là dei suoi impegni nel mondo dello spettacolo e della moda. “Mi occupo di progetti navali e ho iniziato a lavorare subito dopo il diploma perché penso sia fondamentale costruirsi un futuro concreto”, ci dice Alfonso. “Nel mio tempo libero coltivo il sogno della moda e dello spettacolo e sino ad ora ho raggiunto già buoni traguardi”.
Alfonso, come sta trascorrendo questo momento di emergenza sanitaria per il Coronavirus?
“In questo periodo di quarantena, le mie giornate stanno trascorrendo lente e noiose. L’unica compagnia che ho è quella della mia famiglia. Mi sto svegliando sempre tardi al mattino, giusto il tempo di pranzare e prepararmi e poi vado a lavoro. Per fortuna, ho ripreso presto a lavorare quindi, riesco a tenermi comunque impegnato tra il mio impiego navale, le serie tv che guardo quotidianamente e le videochiamate con la mia fidanzata Emanuela e i miei amici. Ma spero che tutto ritorni quanto prima alla normalità perché non ne posso proprio più”.
Cosa ricorderà di questo periodo, quando tutto sarà finito?
“Sicuramente stiamo attraversando un momento storico assai difficile. Molte coppie sono distanti e anche io non posso vedere la mia fidanzata se non attraverso le videochiamate. Questa situazione mi rattrista ma sono fiducioso e penso che l’isolamento forzato possa avere anche dei risvolti positivi perché, probabilmente, in futuro saremo in grado di apprezzare di più quello che la vita ci offre e che ora il Covid-19 ci ha portato via. Penso che sia questo l’insegnamento che ricorderò maggiormente di questo periodo”.
Qual è la prima cosa che farà, quando potremo ritornare alla normalità?
“Beh, per prima cosa voglio tornare ad abbracciare la mia fidanzata. Mi manca molto non poterla baciare e stringere forte a me. Passerò molto tempo con lei per recuperare i mesi perduti a causa del Coronavirus. Sicuramente, mi farà piacere anche tornare a frequentare quotidianamente i miei amici. Infine, mi piacerebbe partire per una lunga vacanza al mare e rilassarmi un po’, godendomi la libertà che fino ad ora ci è stata negata dall’emergenza sanitaria”.

                                                                                                                                      a cura di Stefano Di Capua (foto: Nico Clemente)