|

LE FIERE CHE SI SVOLGONO A NAPOLI SONO FUORI DAL BANDO DELLA CAMERA DI COMMERCIO

Data pubblicazione: 10-02-2020
 

La Delibera n. 5 del 27/01/2020 stanzia 500 mila euro finalizzati alla concessione di contributi, sotto forma di voucher, per sostenere la partecipazione delle imprese ad eventi fieristici che si svolgono, nel 2020, fuori dalla provincia di Napoli. Tale provvedimento, sicuramente, non favorisce l’intero tessuto economico, le imprese e l’Ente fieristico, Mostra d’Oltremare, di cui la stessa Camera è socia. Con un atto di cui non si intende la “strategia” e le motivazioni non sono note, le imprese della Provincia di Napoli che parteciperanno ad attività fieristiche tipo, Tutto Sposi, Tutto pizza, Vebo, Gustus, Fiera della Casa, Si Ferr, International Tattoo, Aestetica, - ecc. sono penalizzate, in quanto non potranno richiedere contributi attraverso la concessione di voucher a parziale copertura delle spese di partecipazione.
L’unica attività fieristica, che si svolgerà a Napoli, per la quale le imprese partecipanti potranno richiedere il voucher è Energymed che si svolgerà nel prossimo mese di marzo.
Le Associazioni dell’Artigianato e delle PMI – Confartigianato, CNA, CLAAI – nel sottolineare positivamente l’inclusione dell’evento Energymed, non conoscendo le motivazioni (in Delibera non sono illustrate) non riescono a spiegarsi i principi e l’utilità che ha ispirato tale provvedimento.
Includere le manifestazioni che si svolgono a Napoli, sarebbe stato, sicuramente, utile alla nostra economia ed avrebbe incentivato la partecipazione delle imprese.