|

ALL'ISTITUTO "G.B. BOSCO LUCARELLI" 2 PREMI COME MIGLIORE IMPRESA JUNIOR ACHIEVEMENT CAMPANIA

Data pubblicazione: 28-05-2020
 

Al termine di una finale per la prima volta interamente digitale, due team dell’Istituto “G.B. Bosco Lucarelli” di Benevento sono stati giudicati vincitori del premio Migliore Impresa JA Campania di Impresa in azione, il programma di educazione all’imprenditorialità di Junior Achievement Italia che, nonostante l’emergenza Covid-19, non si è mai fermato.
Un’edizione unica con focus sulle capacità digitali e le materie STEM, indispensabili per i ragazzi al fine di sviluppare competenze per inserirsi nel mondo del lavoro di domani e affrontare le sfide che li attendono. Mai come quest’anno, infatti, Impresa in azione è un ponte non solo per superare il divario tra scuola e mondo del lavoro, ma un’opportunità per gli studenti di affrontare questo periodo di difficoltà sfruttando le loro abilità nell’utilizzo delle nuove tecnologie per portare a compimento i loro programmi.
Più di 50 studenti da tutta la Regione, hanno partecipato al programma senza farsi fermare dalle limitazioni imposte dall’attuale situazione di emergenza. Insegnanti e Dream Coach - manager d’azienda volontari – hanno potuto guidare i ragazzi nello sviluppo del loro progetto anche a distanza grazie alla forte expertise maturata negli anni da Junior Achievement nell’ambito della didattica digitale. Attraverso la tecnologia hanno potuto dar vita a vere e proprie Startup creandone il relativo prodotto o servizio, che hanno presentato, a una giuria qualificata alla Fiera Regionale, la finale locale di Impresa in azione.
Gli studenti vincitori hanno convinto la giuria, formata da rappresentanti di aziende e professionisti da CCIAA Cosenza, CCIAA Reggio Calabria, Federmanager Napoli, Actionaid, Anpal Servizi Calabria, EY e Federmanager Napoli.
Il team vincitore “JobsxNeet JA”, della 5^ IB, ha proposto il portale “Jobs x NEET” dove i giovani NEET possono offrire prestazioni di lavoro trasversali. La domanda e l’offerta sono gestite con un sistema di geolocalizzazione e interazione utente in tempo reale. Il portale presenta anche video tutorial e live chat per la formazione dei NEET. Il progetto ha convinto la Giuria per il potenziale innovativo, la reale fattibilità e la capacità di mostrare durante la presentazione i risultati del percorso di apprendimento.
Gli studenti nel gruppo “Esport Linker JA”, della 5^ IC, hanno invece ideato una piattaforma social per videogiocatori amatoriali, con lo scopo di creare opportunità economiche e rendere la loro passione una professione. La piattaforma può aiutare così i giocatori amatoriali ad essere notati da team professionisti e aziende sponsor. Il lavoro dei ragazzi è stato apprezzato perché hanno trovato il modo di trasformare un divertimento in una reale opportunità di business.
Grazie a questi progetti innovativi, gli studenti dell’Istituto “G.B. Bosco Lucarelli” di Benevento, parteciperanno alla prima storica finale nazionale virtuale BIZ Factory, il 5 giugno prossimo attraverso un evento interamente digitale mai visto prima. In questa occasione, seppure solo virtualmente, oltrepasseranno i confini locali affrontando le classi finaliste delle altre regioni italiane per il titolo di Migliore Impresa JA 2020. La classe vincitrice avrà, inoltre, l’opportunità di percorrere il ponte verso l’Europa che questa iniziativa offre, e avrà l’onore di rappresentare l’Italia a livello europeo nella JA Europe Company of the Year Competition in una stimolante esperienza virtuale internazionale.
La Fiera digitale Campania di Impresa in azione ha visto un numero davvero consistente di progetti di valore sviluppati dagli studenti e fra questi sono stati premiati con una menzione speciale anche il team “Museum App Sorrento JA”, della 4 B dell’Istituto Polispecialistico "San Paolo" di Sorrento: i ragazzi programmano robot umanoidi che interagiscono con tablet Android e che si trasformano in simpatiche guide turistiche per i giovani visitatori dei musei. Gli studenti hanno già creato due prodotti dedicati ai musei della loro città: il "Correalis App Surrentum" ed il "Tarsia Lignea App Surrentum".
“Nonostante tutto quello che è successo, e sta succedendo, è davvero una grande soddisfazione sapere di essere riusciti a portare a termine il programma, arrivando alle finali regionali, senza mai fermarci” ha dichiarato Antonio Perdichizzi, Presidente di Junior Achievement Italia. “Il percorso di Impresa in azione è un percorso che cerca di allenare l’imprenditorialità e il problem solving. E, mai come quest’anno, i ragazzi sono stati chiamati a risolvere un grande problema a causa di questa emergenza. Ma, allo stesso tempo, hanno potuto constatare che con impegno e passione si possono sempre raggiungere gli obiettivi prefissati. È davvero importante, quindi, che i ragazzi sappiano sfruttare al meglio quest’opportunità, imparando qualcosa di utile per il loro futuro da questa vicenda“.
Junior Achievement, la più vasta associazione non profit dedicata all’educazione economico-imprenditoriale nella scuola, presente in Italia dal 2002, aiuta i giovani a sviluppare quel mix di abilità trasversali quali spirito d’iniziativa, assunzione di responsabilità, teamworking, perseveranza, creatività, negoziazione, fiducia in se stessi che, uniti a competenze di tipo economico-finanziario, costituiscono una competenza “imprenditoriale”. Abilità che risultano essere sempre più importanti in questo periodo in cui i ragazzi sono ancora più esposti all’abbandono scolastico, già a livelli allarmanti nel nostro paese, e hanno ancora più bisogno di un supporto nell’orientamento. Per questo motivo, Junior Achievement ha realizzato un Manifesto delle Competenze Trasversali (disponibile a questo link) facendosi portavoce della richiesta di docenti, dirigenti scolastici, genitori, studenti, aziende, Enti del terzo settore e Istituzioni, affinché i programmi volti a trasferire tali competenze non vengano abbandonati a favore di un ritorno al programma scolastico in senso stretto, ma anzi implementati con maggiore convinzione.Impresa in azione è il più diffuso programma di educazione imprenditoriale per tutte le tipologie di scuola superiore. Riconosciuto dal MIUR (Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca) come “Percorso per le competenze trasversali e per l’orientamento (PCTO)” e dalla Commissione Europea come “la più efficace strategia di lungo periodo per la crescita e l’occupabilità dei giovani”, in 17 anni ha coinvolto oltre 100 mila studenti italiani, 400 mila all’anno in tutta Europa. In Campania Impresa in azione è sviluppato grazie al prezioso contributo di Camera di Commercio di Benevento, Camera di Commercio di Caserta, Federmanager Napoli e del progetto OpenSpace, e a livello nazionale da ABB, Accenture, BNY Mellon, Campari Group, CITI Foundation, Coca-Cola HBC Italia, Credit Suisse, EY, Fondazione Coca-Cola HBC Italia, HP, Invitalia, ItaliaCamp, ManpowerGroup, MUFG, Pirelli, Operazione Risorgimento Digitale di TIM, The Walt Disney Company Italia, Tree, Unioncamere e Zurich.
                                                    Al.Land.